L'Agricoltore il più grande lavoro sulla Terra - Interviste Agricoltour 2014 - BASF - Salvatore Vistocco
E-mail LinkedIn Facebook Twitter

Salvatore Vistocco

Nell’azienda di Salvatore Vistocco, imprenditore agricolo di lungo corso, si incontrano il ricambio generazionale positivo, la diversificazione di prodotto e la voglia di fare aggregazione dal basso. Tre situazioni positive che ne fanno un caso di coraggio e di innovazione.

Il valore dell’agricoltura oggi appare sminuito rispetto all’importanza che ha e che dovrebbe risaltare all’esterno. L’agricoltura e il turismo in questa zona sono leve fondamentali, possono andare tranquillamente “a braccetto”, ma l’opportunità non si è ancora colta. Eppure abbiamo produzioni di eccellenza; possiamo contare sulla storia antica (Paestum è a due passi), sulle bellezze naturali della costa cilentana, della costiera amalfitana. Un bacino naturale ideale per abbinare le produzioni al turismo, ma ad oggi resta ancora solo una speranza.

Di cosa ci sarebbe bisogno?

Di trasferire un po’ della cultura della riviera romagnola da queste parti; sarebbe la fortuna del territorio. Guardi, le aziende agricole non hanno bisogno di aiuti economici, ma solo di poter valorizzare il prodotto rispetto agli sforzi che si fanno per puntare sulla qualità. All’estero va meglio, si apprezza di più il prodotto, non ci sono problemi di prezzo, hanno capito che stiamo lavorando bene anche dal punto di vista della tracciabilità. Del resto, la qualità è di casa, da queste parti, e c’è un progressivo miglioramento che è tangibile, si vede.

Un salto in avanti deciso rispetto a quando lei ha iniziato?

Non c’è paragone. Oggi si è evoluta la coscienza degli agricoltori, si sono intensificati i controlli, è aumentata la voglia di conoscenza da parte del consumatore. Restano però delle distorsioni evidenti. Non si spiegherebbe perché i benefici maggiori continuino ad arrivare solo agli intermediari e non agli agricoltori. Noi siamo costretti a svendere i prodotti e i consumatori a spendere troppo: qualcosa non va.

Il fattore aggregativo potrebbe consentire di superare queste criticità?

Dovrebbe, ma non sempre accade. Chi dovrebbe tutelare le aziende a volte finisce per diventare commerciante e quindi l’obiettivo finale non si coglie neanche così.

Nonostante questo giudizio, lei è un precursore dell’aggregazione

Credo in quella costruita dal basso, come ho fatto con una decina di soci. La concorrenza sui nostri prodotti tradizionali, meloni e angurie, era diventata insostenibile. Non potevamo più competere con Paesi come l’Egitto, né sperare nelle loro disgrazie per far emergere i nostri prodotti. Allora decidemmo di cambiare e puntare quasi tutto sul carciofo rosso, che oggi è un’eccellenza in tutto il Sud Italia. Finanziammo un consorzio esclusivamente con i nostri soldi, partendo piano piano e costruendo in sette anni una realtà che oggi ha 45 persone in organico. Crediamo in questo progetto, in un clone specifico e nel futuro, sia pure con grandi difficoltà che esistono.

Ci credono anche i suoi figli, che sono in azienda con lei e che in lei hanno trovato una guida e un riferimento?

Al momento me ne sto pentendo (dice, abbozzando un sorriso) perché gli investimenti sono enormi e i ricavi pochi, la soddisfazione è solo teorica. C’è l’orgoglio, la speranza di creare un futuro per i nostri fligli, se il mercato risponderà. Oggi possiamo dire che gli sforzi sono ingenti: abbiamo innovato, allungato la produzione, differenziato la produzione, cercato le migliori tecniche per capire le nuove piante e verificare quanto bene potessero rispondere rispetto ai nostri terreni. Un processo lungo, che può dare speranza per il futuro. I giovani? L’anno scorso ne ho assunti tre, ventenni, e li tratto come figli; sono preziosi perché è davvero difficile trovare risorse giovani e appassionate, da queste parti. E’ anche per loro che continuiamo a coltivare terreni e speranze.

E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 - BASF - Salvatore Vistocco
E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 - BASF - Salvatore Vistocco
E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 - BASF - Salvatore Vistocco
E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 - BASF - Salvatore Vistocco