Agricoltour 2014 - BASF - Vito Prando - Racconigi - 2-20 maggio
E-mail LinkedIn Facebook Twitter

Cascina Grande – Vito Prando – Sali Vercellese (Vc)

Non chiamatelo contadino. Sia chiaro, Vito Prando non è un tipo snob. “Ma il contadino – obietta – nella cultura corrente appare come una figura dimessa, che non si è ancora emancipata.. Io, dopo un diploma, una laurea, la gavetta sotto mio padre e la responsabilità di 600 ettari di risaia penso di potermi definire un imprenditore agricolo…”.

Quel che non manca a questo quarantenne che produce riso da esportazione è il senso d’identità. Quello di un’agricoltura che è ad un tempo professione, cultura e way of life. Questo senso d’identità l’ha mutuato dal padre Vittorino. Uno che parla poco e che adesso vive nella “sede centrale” dell’azienda, il castello di Montonero. Negli scorsi decenni è stato lui a costruire una realtà di dimensioni ragguardevoli e l’ha fatto partendo dal basso: i Prando sono infatti alla quinta generazione e all’inizio erano fittavoli.

In questo lavoro puoi crescere, ma devi stare regole della terra, che non perdonano chi sbaglia” spiega Vito. Aggiungendo una lezione di vita: “mio padre non mi ha dovuto spiegare molto, se non con l’esempio. La terra dà e toglie in base ai tuoi meriti, qui non valgono i compromessi della città, la terra non premia il più furbo, il disonesto, ma chi lavora sodo e bene. Ecco perché i valori in campagna tengono ancora”. Ed ecco perché da queste parti il sindacato non attecchisce: “i problemi con i dipendenti ce li risolviamo davanti a un bicchiere di vino, questa è una terra di relazioni vere, oltre che solide” conferma il giovane risicoltore.

Lo incontriamo a Sali, alla Cascina Grande. Sono le stesse terre in cui Camillo Benso fu confinato dal padre per placarne i bollori giovanili e dove il Conte di Cavour inventò la moderna risicoltura.

Dev’esserci un microclima particolare da queste parti, perché i risicoltori di oggi non hanno perso l’attenzione al dato economico e se ne servono per analizzare le tendenze in atto. Come il caro-affitti. “La dimensione minima efficiente aumenta di anno in anno – commenta Prando - e si è obbligati a ingrandirsi, il che comporta per alcuni correre dei rischi e, talvolta, non rientrare degli investimenti fatti. Questa spinta speculativa sta portando alle stelle anche gli affitti; non è solo, come si dice, colpa del boom del biogas”.

I Prando sono innovatori con giudizio: “il Clearfield è un’innovazione sostenibile, il Gps è utile, ma se la mietitrebbia la guidi solo se hai fatto le scuole alte come fa il mio trattorista? Il rischio da cui dobbiamo guardarci noi imprenditori risicoli è l’esibizionismo: spesso si fanno investimenti slegati dai conti, semplicemente per soddisfare la vanità personale e l’idea di bagnare il naso al vicino… L’esibizionismo è l’altra faccia dell’atomismo che impedisce alle imprese di concentrare l’offerta e rafforzarsi commercialmente”.

La crisi è dura, anche perché “la politica non conosce le reali esigenze del mondo agricolo e introduce norme che fraintendono concetti seri come quello della sostenibilità, mettendoci in difficoltà, oppure perché sono antistoriche: da un lato ci è richiesto di concentrare le forze, dall’altro si continua a premiare la piccola proprietà contadina, mentre si dovrebbero incentivare gli accorpamenti di aziende”.

A quarant’anni, tuttavia, non si può che essere ottimisti e Vito Prando non fa eccezione: “la crisi passerà e chi avrà mantenuto delle strutture solide sarà al suo posto, a fare buona agricoltura, ne sono sicuro, anche se magari non faremo più riso e al posto mio ci sarà mio figlio, che oggi ha due anni”.

Paolo Accomo

L’Informatore Agrario

E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 - BASF - Vito Prando - Racconigi - 2-20 maggio
E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 - BASF - Vito Prando - Racconigi - 2-20 maggio
E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 - BASF - Vito Prando - Racconigi - 2-20 maggio
E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 - BASF - Vito Prando - Racconigi - 2-20 maggio
E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 - BASF - Vito Prando - Racconigi - 2-20 maggio
E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 - BASF - Vito Prando - Racconigi - 2-20 maggio
E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 - BASF - Vito Prando - Racconigi - 2-20 maggio
E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 - BASF - Vito Prando - Racconigi - 2-20 maggio