Agricoltour 2014 - BASF - Sandro Bertelli -Az.Agr.Castello di Oliveto - Castelfiorentino (FI)
E-mail LinkedIn Facebook Twitter

Sandro Bertelli - Direttore Azienda Agricola Castello di Oliveto – Castelfiorentino (Fi)

Da diciassette anni è direttore dell’azienda agricola Castello di Oliveto, nel cuore della provincia di Firenze, ma da sempre agricoltore. Sandro Bertelli è un perito agrario che ha fatto dell’agricoltura la sua passione, unendola poi alla professione. L’azienda che dirige è per lui un’esperienza a tutto tondo: dodici mila ettari tra cereali, vino, olio, in sei comuni diversi.

Agricoltore da sempre: rifarebbe questa scelta?

«La risposta è scontata: sì. Per tanti motivi, uno in particolare è che è un lavoro in cui ogni giorno ci troviamo davanti a nuovi scenari, sia dal punto di vista agronomico, che da quello economico e questo vuol dire tenersi sempre in gioco, ma soprattutto essere sempre “sul campo” nel vero senso della parola».

Quindi consiglierebbe anche a un giovane la sua strada?

«Di sicuro è un settore, quello dell’agricoltura, anticiclico e in tempi di crisi come questo può essere uno sbocco importante per l’economia dell’intero paese e quindi anche per l’occupazione dei più giovani. Certo è che non è semplice calarsi in questo mondo. Oggi ci sono molte problematiche che investono il settore: dalla sostenibilità economica, oggi molto difficile perché i prezzi dei prodotti sono sempre più bassi a fronte di costi sempre più alti. Inoltre la nuova Pac di certo non aiuta produzioni più piccole e di qualità come quelle che abbiamo in Italia, ma vengono premiati sempre di più sistemi estensivi che non si adattano al nostro modello agricolo».

Pessimista sul futuro?

«Affatto. Serve tuttavia più attenzione da parte delle Istituzioni che ci rappresentano a livello europeo affinché puntino sul protezionismo delle nostre produzioni».

Come è cambiato questo mestiere?

«Oggi non è più valido il concetto di agricoltore diretto, o meglio, oggi dobbiamo parlare di imprenditore. Abbiamo il contoterzismo che si è sviluppato molto e da una parte ha risolto molti problemi a livello aziendale, dall’altro però serve sempre più attenzione alla qualità della manodopera. Un buon imprenditore quindi, al contrario di prima, deve essere attento nella gestione delle risorse umane di cui dispone».

L’agricoltore di oggi come lo definisce?

«Sempre più fondamentale per il pianeta perché dall’agricoltura si crea cibo. Un professionista sempre più preparato sia nelle sue materie, ma anche nella burocrazia, nell’informatica e in tutti quegli strumenti che un tempo non erano necessari, ma oggi lo sono. Vedo anche un agricoltore sempre più attento alle tematiche ambientali, lo conferma anche la crescita di agricoltura biologica».

Alessandro Maurilli

E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 - BASF - Sandro Bertelli -Az.Agr.Castello di Oliveto - Castelfiorentino (FI)
E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 - BASF - Sandro Bertelli -Az.Agr.Castello di Oliveto - Castelfiorentino (FI)
E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 - BASF - Sandro Bertelli -Az.Agr.Castello di Oliveto - Castelfiorentino (FI)
E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 - BASF - Sandro Bertelli -Az.Agr.Castello di Oliveto - Castelfiorentino (FI)