Agricoltour 2014 - Azienda Agricola Ircer Assunta - Simone Urbani - Recanati - 3 luglio
E-mail LinkedIn Facebook Twitter

3 luglio - Simone Urbani– Azienda Ircer Assunta di Recanati.

«Non finirò mai di imparare». Una sfida, ma anche il riassunto della filosofia professionale di un giovanissimo imprenditore agricolo, Simone Urbani, che a soli 30 anni si è trovato a dirigere un’azienda agricola di oltre 400 ettari a Recanati, nel cuore delle Marche.

Un diploma di perito agrario e tanta passione hanno spinto questo giovane marchigiano a proseguire la tradizione di famiglia, dal nonno al padre, per portare qualcosa in più all’agricoltura moderna. «È stata una scelta nata dal cuore – dice Simone – e soprattutto da una grande passione per la terra, elementi senza i quali non consiglierei a nessuno di cominciare a lavorare in questo settore, che è tanto ricco di soddisfazioni, quanto difficile da affrontare».

Mentre parla Urbani ha le mietitrici sui campi, stanno lavorando il grano di questa grande azienda cerealicola. Ci sono preoccupazione e tensione nel suo sguardo, ma anche la luce di una professione che lo appaga. «Dirigere un’azienda così vasta – spiega – è per me un punto di arrivo, ma anche di partenza perché non si finisce mai di imparare in questo mestiere e ogni anno ci sono mille variabili che cambiano le carte in tavola, giorno per giorno, e un buon imprenditore deve saperle affrontare senza farsi prendere dalla fretta e dal panico».

Che cosa vuol dire per un giovane essere agricoltore oggi?

«Sicuramente avere a disposizione una tecnologia che un tempo non c’era – risponde Urbani – e prodotti da lavorare che hanno un minor impatto ambientale, da un lato, e una qualità per il consumatore finale più alta, dall’altro. Essere agricoltore oggi vuol dire anche dimostrare a chi non si occupa di agricoltura che questo mestiere non è più come quello di una volta – continua – occorre non avere il paraocchi su questa professione e su chi la fa, perché l’agricoltura significa nutrimento per il mondo e oggi, con le problematiche riguardanti l’aumento della popolazione, questo aspetto è più che mai preponderante».

I coetanei come vedono un giovane che dirige un’azienda agricola?

«Chi è nel settore bene, con stima per quello che mi trovo a fare; chi invece non sa davvero cos’è l’agricoltura moderna è ancora condizionato dall’immagine del contadino con la zappa in mano, quello che non ha molta cultura e che nella società occupa un gradino più basso. In realtà però non è così, perché per mandare avanti un’impresa, serve preparazione dal punto di vista economico, legale, tecnico; insomma, essere chiamato “contadino” va bene, ma con la C maiuscola».

Alessandro Maurilli

E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 - Azienda Agricola Ircer Assunta - Simone Urbani - Recanati - 3 luglio
E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 - Azienda Agricola Ircer Assunta - Simone Urbani - Recanati - 3 luglio
E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 - Azienda Agricola Ircer Assunta - Simone Urbani - Recanati - 3 luglio
E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 - Azienda Agricola Ircer Assunta - Simone Urbani - Recanati - 3 luglio
E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 - Azienda Agricola Ircer Assunta - Simone Urbani - Recanati - 3 luglio
E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 - Azienda Agricola Ircer Assunta - Simone Urbani - Recanati - 3 luglio
E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 - Azienda Agricola Ircer Assunta - Simone Urbani - Recanati - 3 luglio
E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 - Azienda Agricola Ircer Assunta - Simone Urbani - Recanati - 3 luglio