L'Agricoltore il più grande lavoro sulla Terra - Interviste Agricoltour 2014 - Roberto Lanzalonga - 18 luglio
E-mail LinkedIn Facebook Twitter

ROBERTO MARIA LANZALONGA

Presidente Apronvit – Viterbo

Roberto Maria Lanzalonga è uno dei principali produttori di nocciola nel territorio della Tuscia.

Nel cuore di un Lazio poco conosciuto, ma da non sottovalutare dal punto di vista economico e paesaggistico, Lanzalonga è stato uno dei driver per la rinascita di questo settore.

Oggi è anche il presidente di una delle associazioni di produttori, la Apronvit, che conta oltre 800 soci.

«In qualità di presidente di questa associazione – spiega Lanzalonga – posso dire che in quindici anni siamo riusciti tutti insieme a creare un indotto economico in questo territorio, un patrimonio condivisibile da tutti e che è stato a sua volta un vero e proprio volano anche per stimolare altri settori». «Ci tengo a dire questo – continua Lanzalonga – perché ancora oggi non si ha chiaro il vero ruolo dell’agricoltura, si pensa forse troppo spesso all’agricoltore come un soggetto che lavora per se stesso, per i suoi redditi privati e che soprattutto lo fa senza progetti di sviluppo per la propria impresa e soprattutto per il contesto in cui lavora; ecco noi qui dimostriamo che un distretto agricolo come il nostro nasce proprio da una figura di imprenditore che, sia esso piccolo, o più grande per dimensioni dell’azienda, contribuisce alla sostenibilità economica di tutti, anche coloro che lavorano in altri settori, coinvolgendo quindi banche, alberghi, ristoranti, artigianato, altre attività che comunque hanno avuto uno sviluppo proprio grazie al nostro lavoro di produttori di nocciole».

L’agricoltura di oggi come è cambiata rispetto a quella di una volta?

«Dal nostro punto di vista posso dire che il primo grande cambiamento lo si è visto nella tecnica di produzione – dice il presidente di Apronvit – a partire dall’utilizzo di prodotti sulle piante, ma anche per gli investimenti che le aziende fanno in tecnologia, tenendosi sempre al passo coi tempi, sempre in continua evoluzione». «Dobbiamo poi considerare l’importante accesso di nuove leve alla professione – continua Lanzalonga – e noi come associazione dei produttori abbiamo dato una mano a nuovi imprenditori, o a giovani che volevano subentrare alle aziende di famiglia, a reperire finanziamenti di inizio attività, sia dal Psr che da fondi europei, questo perché avere giovani preparati a livello formativo vuol dire anche migliorare l’offerta di prodotto».

Il futuro dell’agricoltura?

«Il futuro è l’agricoltura – conclude Lanzalonga – e noi agricoltori da un lato, i media dall’altro, le istituzioni da un altro ancora, dobbiamo essere uniti nel far passare un messaggio di positività di questo settore e delle persone che lo rappresentano, perché è dalla terra che parte lo sviluppo dell’intero pianeta».

Alessandro Maurilli

E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 18 luglio Roberto Lanzalonga Magazzino 1905
E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 18 luglio Roberto Lanzalonga Magazzino 1905
E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 18 luglio Roberto Lanzalonga Magazzino 1905
E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 18 luglio Roberto Lanzalonga Magazzino 1905
E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 18 luglio Roberto Lanzalonga Magazzino 1905
E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 18 luglio Roberto Lanzalonga Magazzino 1905
E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 18 luglio Roberto Lanzalonga Magazzino 1905
E-mail LinkedIn Facebook Twitter
Agricoltour 2014 18 luglio Roberto Lanzalonga Magazzino 1905